Il padre gesuita egiziano Samir Khalil Samir RVContinua a suscitare commenti positivi il recente viaggio del Papa in Egitto. Per padre Samir Khalil Samir, gesuita egiziano e docente di islamistica presso il “Pontificio Istituto Orientale di Roma”, è stato un evento di grande importanza e di

successo, che ha unito e incoraggiato cristiani e musulmani nella costruzione della pace e nella lotta alla violenza. Ascoltiamo la sua riflessione al microfono di Fabio Colagrande

R. – Certamente, un viaggio di successo. Ed è stato molto importante perché l’Egitto si trova in una situazione di isolamento. Questo apre, dà un po’ di aria … I musulmani si sentono in difficoltà a causa del terrorismo. Il fatto di poter trovare un uomo che ti appoggia, che simpatizza, come nel caso del Papa, questo dà coraggio e forza al presidente, come all'istituzione di Al Azhar, ma anche, certamente, a tutti i cristiani dell’Egitto, perché soffriamo di questo terrorismo. Questo viaggio ha avuto anche un’altra importanza: i musulmani si sentono uniti ai cristiani in questa prova degli attentati. I musulmani ci hanno sostenuti e c’è chi dice: “Voi siete i nostri fratelli”. E' anche la testimonianza del risultato di questo viaggio in Egitto.

D. – Per quanto riguarda il dialogo interreligioso, il nuovo incontro tra il Papa e il Grande Imam Al Tayeb, quale progresso ha portato nel dialogo tra cristiani e musulmani?

R. – La cosa essenziale è che il Papa ha fiducia in Al Tayeb e Al Azhar e li incoraggia e supporta, per dire: continuate in questa linea della non violenza. Al Azhar lo proclama, la gente dice: “Sì, ma che fate per realizzarla?”. Dunque, questo potrebbe essere un incoraggiamento: possono contare sul supporto dei cristiani visto l’appoggio che il Papa ha portato.

D. - E infine, padre Samir, per la comunità copta e anche per la piccola minoranza cattolica queste ore trascorse dal Papa al Cairo che significato hanno avuto, secondo lei?

R.  – Per la comunità copta cattolica, che è piccolissima, vuol dire: il Papa si interessa anche a noi che siamo meno di 300 mila. E questo è molto importante. Ma significa anche che il Papa è il "papà" di tutti quanti i cristiani non solo i cattolici, ma tutti i cristiani. Ha testimoniato una fratellanza con tutti quanti. Non c’è una persona esclusa. Questo l’ha mostrato concretamente: il suo abbracciare l’Imam Al Tayeb, come anche il presidente, in modo sinceramente affettuoso, già dice più dei discorsi. Poi, il dialogo con gli ortodossi, fino ad arrivare a un accordo riguardo al Battesimo, questo è un passo avanti che non si poteva immaginare! Infine, come dicevo, riguardo alla piccola comunità cattolica, cioè a tutti i livelli, questo viaggio mostra che noi siamo una famiglia, un popolo, il popolo egiziano: diversi, ma la diversità è un arricchimento, non è un impoverimento. Questo mi sembra il triplice messaggio che questo viaggio rapidissimo ha portato all’Egitto. Sta a noi adesso concretizzarlo nella vita quotidiana.

http://it.radiovaticana.va/news/2017/04/29/



"L'articolo e le immagini sono state prese dal web al solo scopo di condividere la diffusione del Vangelo su questo sito, senza scopo di lucro. Nel caso di violazione del copyright, vi siamo grati se ci contatterete, ed il materiale sara' subito rimosso o rettificato. Grazie."